mercoledì 22 luglio 2015

Anche i sudditi della Regina Elisabetta copiano Circuiti Gioielli

Avevamo gia' trattato l'argomento della contraffazione e delle imitazioni  tempo fa,ma oggi vogliamo tornare sull'argomento perché navigando su internet abbiamo trovato un'altra azienda che vuole copiare i nostri gioielli con le forme dei circuiti.




La cosa strana é che la ditta che ha iniziato a copiarci é inglese;





la nostra inglesina Alyssa ha pensato bene di utilizzare l'idea brevettata dei gioielli con le forme dei circuiti di Formula e MotoGP e farsi una bella pubblicita' spacciandola per un'idea sua.




Ma come puo' Sua Maesta' la Regina d'Inghilterra accettare che un suo suddito copi un'idea completamente Made in Italy?




Prima di brevettare i gioielli con le forme dei circuiti facemmo fare una ricerca a livello mondiale da un noto studio legale esperto in Marchi e Brevetti e quando ci fu data la conferma che l'idea non fosse mai stata depositata,






presentammo le domande di brevetto ornamentale e di deposito del marchio Circuiti,al contrario della nostra Miss Alyssa Smith che senza informarsi si permette di spacciare un'idea non sua come fosse sua.




Circuiti Gioielli é un'idea dell'orafo Gianfranco Quartaroli che nel 2002 ha brevettato per primo al mondo i gioielli con le forme dei circuiti di Formula 1 e MotoGP e i redazionali italiani ed esteri lo dimostrano senza ombra di dubbio.


Riviste inglesi,tedesche,svizzere,spagnole,del Principato di Monaco hanno dato risalto a una delle idee piu' innovative del settore orafo





Potrebbe essere che sia sfuggito alla giovane designer inglese...


Puo' succedere...



                                                           Circuito Monaco in Diamanti

Si sa le buone idee vengono copiate,quante volte sentiamo ai telegiornali di arresti e sequestri per contraffazione di marchi famosi come Rolex,Louis Vuitton,Cartier,Bulgari e tanti altri,ma oggi soprattutto grazie a internet si riescono a scovare i falsari in tempi piu' ristretti;la nostra politica è quella di monitorare il web e questa volta grazie al social Instagram abbiamo trovato questa nuova imitatrice inglese.



Che dire...speriamo che qualcuno avvisi la nostra "celebrity jeweller" come usa definirsi sul proprio sito internet  perché copiare così spudoratamente non é una cosa molto carina...poi tra colleghi ancora peggio.




Da quanto si evince dal sito internet sembra che ci sia un risvolto positivo in questa brutta storia,una parte dei proventi della collezione Smith & Perry Motorsports by Alyssa Smith andrebbero in beneficenza;che dire speriamo almeno che questa volta un'idea rubata possa almeno servire a fare del bene a qualcuno!

Nessun commento:

Posta un commento