Gianfranco Quartaroli e Carla Fracci

Abbiamo raggiunto telefonicamente l'artista orafo Gianfranco Quartaroli per ricordare la scomparsa dell'étoile Carla Fracci.



Gianfranco hai saputo della scomparsa di Carla Fracci?

Si,certo stavo lavorando al nuovo progetto che sto iniziando a Novara e mi é comparsa sullo smartphone la brutta notizia,non posso negare che mi sono commosso,Carla Fracci è sempre stata uno dei miei miti,l'immagine della cultura italiana.

In che occasione hai avuto modo di conoscerla personalmente?

Durante un evento dedicato alla danza in collaborazione con il Comune di Novara alla presenza del Sindaco Canelli.

Mi fu chiesto qualcosa di speciale per l'occasione,mi misi al lavoro e realizzai un cofanetto di gioielli ispirati alla danza,che chiamai per l'occasione "Etoile" dedicato esclusivamente a Carla Fracci.

Fu un'emozione unica,nella mia carriera sia da calciatore che da orafo ho avuto la fortuna di conoscere da vicino tantissimi campioni dello sport, personaggi famosi del mondo dello spettacolo,della musica e del cinema,ma l'emozione che ebbi a prendere la mano di Carla Fracci mi è rimasta tutt'oggi nel cuore.

Se ne va la leggenda della danza,una donna che ho sempre seguito,ammirato e che ho avuto il privilegio di premiare e conoscere da vicino.

Commenti

Post più popolari