mercoledì 27 maggio 2015

Un gioiello portoricano per la nuova Igor Volley Novara

Nuovo arrivo per la Igor Volley 2015-2016, che rinforza il reparto schiacciatori con un colpo di caratura internazionale: in azzurro arriva la fuoriclasse portoricana Aurea Cruz.


Classe 1982 per 182 centimetri di altezza, la schiacciatrice di Bayamon abbina a una grande tecnica nei fondamentali di seconda linea anche ottime qualità e una gran varietà dei colpi d’attacco.


Cresciuta nell’accademia militare di Bayamon, Cruz ha poi giocato nel campionato universitario americano con il College della Florida prima di iniziare la carriera da professionista che l’ha portata all’esordio in Italia nel 2005-2006 a Tortolì (A1).





Dopo una stagione ad Altamura (A1), una a Palma (Spagna) e una in Giappone, la schiacciatrice portoricana è tornata in Italia, vestendo per tre stagioni la divisa di Villa Cortese (A1), vincendo due Coppa Italia. Nel 2012 si è poi trasferita al Rabita Baku, con la cui casacca ha vinto tre campionati consecutivi risultando, nel 2014, anche MVP della manifestazione.




«Abbiamo deciso di puntare su un’atleta di caratura internazionale – spiega il direttore generale della Igor Volley, Enrico Marchioni – dalle ottime doti tecniche e dalla grande esperienza. Luciano Pedullà ha fortemente voluto un’atleta come Aurea in squadra e noi abbiamo sposato pienamente la sua linea, incontrando nell’atleta la piena volontà e disponibilità a far parte di questo progetto dopo uno splendido triennio in Azerbaijan. 




Si tratta di una ragazza che conosce già molto bene il palcoscenico della Champions League e anche questo sarà, sicuramente, un fattore molto importante per la squadra».




Con l’arrivo di Cruz, va ulteriormente delineandosi la Igor Volley 2015-2016, con già otto atlete ingaggiate dalla società. Alle conferme di capitan Guiggi, Sansonna, Signorile, Chirichella e Bonifacio, infatti, si sono aggiunti gli arrivi di Fabris, Bosetti e, ultima in ordine cronologico, proprio della schiacciatrice portoricana.

Nessun commento:

Posta un commento